Stoccolma: CAE Electrolux

"You'll like thiws one. It performs a thousand revolutions a minute."

Si è concluso oggi a Stoccolma l’incontro annuale del Comitato Aziendale Europeo dell’Electrolux.

Questi i miei brevi appunti, visto che la Fiom Nazionale coordina il CAE su mandato di IndustriAll Europe, in attesa del resoconto dei delegati e del testo conclusivo.

Molti i temi toccati nell’informativa aziendale molto attivo il dibattito dei delegati e delle delegate che hanno animato la discussione.

Nell’informativa i temi principali sono stati la digitalizzazione, l’economia circolare, l’impegno nella sostenibilità ambientale, la mancata acquisizione di GE, l’Internet delle cose (in genere abbreviato con IoT – Internet of Things – , il report finanziario e sui prodotti in sviluppo e la strategia aziendale.

I delegati hanno posto tre temi principali:

  • la digitalizzazione non deve tradursi in perdite di posti di lavoro anzi un’opportunità per crearne di nuovi con un forte impegno nella riqualificazione dei lavoratori, aumentando la formazione mirata.
  • il CAE deve avere un funzionamento più adeguato e a questo riguardo hanno consegnato all’azienda una lettera, firmata da tutti i delegati, con le loro valutazioni e le loro richieste in merito, che l’azienda si è impegnata a supportare
  • il tema molto forte dei salari dei lavoratori, in particolare dell’Est Europa, i cui rappresentanti denunciano un turnover fortissimo dovuto ai bassi salari e rispetto ai quali tutti i delegati hanno chiesto all’azienda di intervenire.

Importante anche l’impegno dell’azienda che ha dichiarato che qualsiasi sia lo scenario conseguente alla Brexit non metterà in discussione le produzioni in UK e che nulla cambierà anche circa la presenza dei delegati CAE dal Regno Unito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *