L’Audi rottama la catena di montaggio

3307o6x1

Un secolo dopo l’invenzione del lavoro in catena di Henry Ford l’Audi si appresta a rivoluzionare i suoi processi produttivi.

Il Gruppo di Ingolstadt si appresta a mettere in opera l’assemblaggio modulare nelle sue fabbriche del futuro abbandonando  le linee di produzione tradizionali.

In futuro i veicoli non saranno costruiti in un ordine specifico sulla linea di produzione ma attraverso un “montaggio a isole”, nelle quali verrà montato ogni elemento (porte, tetto, …). La scocca e le parti saranno trasportate poi da un’isola all’altra e collegate da robot e carrelli autonomi. Questo nuovo sistema dovrebbe essere testato nel 2017 come parte di un progetto pilota da Audi nella sua fabbrica di motori a Györ, in Ungheria. Secondo Sabrina Kolb, portavoce di Audi, intervistato da Pianeta Lavoro, questa produzione dovrebbe ridurre il livello di stress e di particolare beneficio per i lavoratori anziani o con disabilità.

La domanda sempre più personalizzata di produzione di auto del futuro è stato concepito in un una vecchia fabbrica vuota  situata nei pressi del sito di Audi a Ingolstadt da una start-up chiamata “Arculus.” Al suo interno corpi trasportati da camion robot che si muovono senza conducente o percorso predeterminato da un blocco di montaggio ad un altro. Quando una stazione di montaggio è già occupato, i robot, controllati da un computer centrale, si sposta ad un’altra stazione. “Si comportano come i clienti in un supermercato alla ricerca per la coda più corta”, dice Sabrina Kolb, portavoce di Audi. La linea di produzione tradizionale, dove ogni veicolo è montato uno dopo l’altro secondo un ritmo definito è scomparso. Secondo Audi, il nuovo sistema di assemblaggio è davvero rivoluzionario e comparabile allo sviluppo della prima linea di produzione da Henry Ford nel 1913.

Oggi, la linea di produzione rimane la pietra angolare di qualsiasi produzione di massa. Oggi all’interno dello stabilimento di Ingolstadt, il secondo più grande automobilistico in Europa, esce un nuovo veicolo ogni 30 secondi su una delle tre linee di produzione. I modelli A3, A4, A5 e Q2 sono assemblati su linee ad una velocità massima di 88 secondi. Ma nonostante il gran numero di veicoli prodotti e dei processi produttivi consolidati, Audi è convinto che l’era delle linee di produzione siano finite. Poiché non possono più adeguatamente rispondere ad una richiesta di complessità sempre più personalizzata e accresciuta con lo sviluppo dell’elettromobilità. Secondo Hubert Waltl, responsabile della produzione e della logistica all’interno del Consiglio di Gestione di Audi, la linea di produzione era stata concepita oltre 100 anni per la produzione di massa di veicoli identici. “Ma oggi, i nostri clienti vogliono l’esatto contrario. Ogni Audi dovrebbe essere come un abito su misura personalizzato “, dice Walt. Secondo Sabrina Kolb,  è l’”assemblaggio modulare” che fornisce la soluzione. Dato che i veicoli non passeranno attraverso tutte le stazioni. “Le automobili prodotti per i nostri clienti in Africa, per esempio, non richiedono il riscaldamento”, dice il portavoce di Audi che spera di raggiungere in futuro aumenti di produttività del 20%.

Scomparsa della pressione del tempo. Secondo Sabrina Kolb, questo nuovo sistema, che sarà testato nel 2017 presso lo stabilimento di Györ in Ungheria motori, non dovrebbe portare a una riduzione del personale, perché i dipendenti già lavorano in squadre di due o tre alle varie stazioni di lavoro lungo la catena. In futuro, lavoreranno da soli o in coppia sui blocchi di montaggio. Il nuovo modello di produzione promette di essere un grande passo avanti per i dipendenti perché non sottostà più al ritmo impostato dalla catena. “Possono lavorare al proprio ritmo”, dice il portavoce. Questo cambiamento di dimensione dovrebbe alleviare il carico di lavoro in particolare dei lavoratori più anziani o con disabilità. Potrebbero per esempio lavorare presso la stazione dove saranno assemblati i tettucci apribili. “Questa opzione non è molto richiesta dai nostri clienti e questi dipendenti avranno più tempo per fare il loro lavoro. “Secondo Audi, il gruppo modulare dovrebbe portare anche a ridurre lo stress. “Ogni impiegato nella produzione sa quanto il lavoro secondo un tasso fisso può essere stressante,” ha detto Hubert Waltl in un’intervista. In futuro, i dipendenti non avranno più paura di rallentare i loro colleghi o di interrompere la catena. Ciò dovrebbe avere un impatto positivo sulla salute dei lavoratori.

All’interno di IG Metall, i progetti Audi non sono ancora stati analizzati. “E ‘troppo presto”, ha detto il portavoce di IG Metall in Baviera che invia un chiaro avvertimento: “Perché un progetto del genere funzioni, dovrebbero essere coinvolti fin dall’inizio del consiglio di fabbrica nel suo sviluppo e la sua attuazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *